Paramore (album)

Paramore
ArtistaParamore
Tipo albumStudio
Pubblicazione9 aprile 2013[1]
(vedi date di pubblicazione)
Durata63:48
Dischi1 (CD)
2 (LP)
Tracce17
GenereRock alternativo[2][3]
Pop rock[4][5]
New wave[8][9]
EtichettaFueled by Ramen[2]
Warner Bros. Records[6]
ProduttoreJustin Meldal-Johnsen
RegistrazioneDa giugno a novembre 2012 a Hollywood, Los Angeles, California[7]
FormatiCD, 2 LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroAustralia Australia[10]
(vendite: 35 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[11]
(vendite: 7 500+)
Regno Unito Regno Unito[12]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[13]
(vendite: 500 000+)
Paramore - cronologia
Album precedente
(2009)
Album successivo
Logo
Logo del disco Paramore
Singoli
  1. Now
    Pubblicato: 22 gennaio 2013
  2. Still into You
    Pubblicato: 14 marzo 2013
  3. Daydreaming
    Pubblicato: 2 dicembre 2013
  4. Ain't It Fun
    Pubblicato: 4 febbraio 2014

Paramore è il quarto album in studio dei Paramore, pubblicato il 9 aprile 2013 dalla Fueled by Ramen[1].

Prodotto da Justin Meldal-Johnsen, è il primo album dei Paramore realizzato senza i due membri fondatori Zac e Josh Farro e per questo si differenzia sostanzialmente dal resto della produzione della band sia come genere che come approccio alla produzione del disco stesso: viene in parte abbandonato il pop punk in favore di un alternative rock influenzato da generi quali elettronica, pop e soprattutto new wave[14][15].

Ha raggiunto la prima posizione nella classifica di nove Paesi compresi gli Stati Uniti, diventando il primo album del gruppo a ottenere tale risultato[16].

Per anticipare l'album sono stati pubblicati i singoli Now e Still into You il secondo dei quali ha ottenuto un notevole successo internazionale. In seguito sono stati pubblicati Daydreaming, solo nel Regno Unito, e Ain't It Fun, che è riuscito a ottenere il miglior piazzamento dai Paramore nelle classifiche statunitensi con il decimo posto nella Billboard Hot 100 e ad aggiudicarsi ai Grammy Awards 2015 il premio come miglior canzone rock dell'anno, il primo Grammy in assoluto vinto dalla band[17].

Registrazione

Verso la fine di gennaio 2012 i tre membri rimanenti dei Paramore si spostano a Los Angeles alla ricerca di un produttore per il loro quarto album[18]. Dopo vari incontri, ad aprile trovano la persona ideale nel musicista e produttore discografico Justin Meldal-Johnsen, bassista dei Nine Inch Nails[19]. Il processo di scrittura dei brani inizia però mesi prima che la band si sposti a Los Angeles: è in questo periodo, infatti, che vengono composte Proof e Daydreaming[19], quest'ultima fortemente influenzata dall'ascolto di Greatest Hits dei Blondie[20]. Parlando del processo di scrittura del disco, la cantante e tastierista Hayley Williams ha detto:

«L'intero album è autobiografico, ma non è tutto sul cambiamento di formazione e l'uscita di due membri. Non volevo scrivere un altro album che parlasse dell'essere in una band. Non tutte le persone del mondo sono in una band, quindi non tutte le persone possono relazionarvisi. Volevo solamente scrivere le cose che sento. E anche se penso ci siano degli stralci nelle canzoni — non posso davvero allontanarmi dalle cose che ho passato, e ovviamente le ho mostrate — nessuna di esse è veramente su Zac e Josh che lasciano la band.»

(Hayley Williams a Spin[8])

Verso la fine di maggio, durante un'intervista Hayley Williams racconta come procede il lavoro con il nuovo produttore:

«Sino ad adesso abbiamo registrato solo una canzone con Justin. Quest'ultimo periodo in studio è stato sicuramente la più rilassante, ispirata e liberatoria esperienza degli ultimi tempi passati a registrare. Siamo grandi fan del suo lavoro non solo come produttore ma anche come musicista, scrittore e direttore musicale. Indossa bene tutti questi panni e lo fa con molta umiltà.»

(Hayley Williams a Buzznet[21])
Hayley Williams e Taylor York, i principali autori dei brani dell'album

Dal momento che Zac Farro ha lasciato la band nel dicembre 2010 insieme al fratello Josh e la band è dunque priva di un batterista ufficiale, verso la fine di giugno i Paramore ingaggiano Ilan Rubin, già appartenente al gruppo musicale dei Nine Inch Nails, per le registrazioni del loro nuovo disco[22], alle quali ha preso inoltre parte, oltre agli stessi Meldal-Johnsen e agli ingegneri del suono Carlos de la Garza e Ken Andrews, fondatore dei Failure, un coro gospel di Los Angeles, che ha registrato alcune parti di Ain't It Fun[23]. Roger Manning Jr. è stato inoltre citato per aver realizzato alcuni arrangiamenti orchestrali[23]. Oltre a tutte le parti di chitarra solista e ritmica, a Taylor York è affidata anche la parte riguardante le percussioni come xilofono e glockenspiel e soprattutto la scrittura di tutti i brani dell'album, condivisa con Hayley Williams[23][24], e la produzione di alcuni di essi[25]. Il produttore Justin Meldal-Johnsen ha inoltre contribuito alla scrittura di alcuni testi, oltre a suonare alcune parti di tastiera e sintetizzatore[23].

Pubblicazione

Anticipazioni

Concluse le registrazioni a inizio novembre[7], il 6 dicembre vengono annunciati il titolo dell'album e la sua data di uscita, il 9 aprile 2013[1]. Il 18 gennaio vengono invece rese note la lista dei brani e la copertina del disco[26].

Hayley Williams ha motivato la scelta di un album eponimo dicendo:

«L'album omonimo è senza dubbio una dichiarazione. Sento che non è solo una reintroduzione della band al mondo, ma anche a noi stessi. È definitivamente quello che siamo. È così "Paramore". Non penso che ci sarebbe potuto essere nessun altro titolo su cui avremmo potuto lavorare.»

(Hayley Williams a Radio.com[27])
Il bassista Jeremy Davis, membro fondatore dei Paramore

Il 28 marzo la band annuncia con un video su YouTube che ogni notte per quattro notti a partire dal 1º aprile faranno ascoltare in streaming sul loro sito ufficiale un lato del vinile del nuovo album in anteprima mondiale[28].

Edizioni

L'album viene pubblicato in gran parte del mondo il 9 aprile 2013, anche se in alcuni paesi europei la data è anticipata al 5 e all'8 aprile[2]. In Giappone esce invece il 10 aprile in un'edizione differente comprendente due tracce aggiuntive intitolate Escape Route e Native Tongue[6][29]. Gli stessi brani vengono inoltre inclusi in un vinile da 7" contenuti nelle edizioni limitate dell'album[30][31]. La band ha motivato l'esclusione di queste B-sides dalla versione originale per via della loro somiglianza con il precedente materiale e di conseguenza per la diversità rispetto alle altre canzoni di Paramore; Escape Route è stata infatti una delle prime canzoni scritte dalla band per l'album, ma l'ultima ad essere registrata[32].

L'11 novembre 2014 la band annuncia la pubblicazione di una nuova edizione di Paramore, raffigurante una nuova copertina e intitolata "Self-Titled Deluxe". La sua data di uscita viene fissata per il 24 novembre successivo[33]. Il 19 novembre viene rivelata la lista tracce dell'edizione deluxe, comprendente, oltre ai brani originari, le due tracce bonus, una demo inedita intitolata Tell Me It's Okay, una versione in duetto con Joy Williams di Hate to See Your Heart Break e otto brani suonati dal vivo al Red Rocks di Denver il 12 agosto 2014[34].

Singoli e video musicali

Il 22 gennaio 2013 viene pubblicato il primo singolo Now[35] seguito poi da Still into You il 14 marzo[36]. Per entrambi è stato realizzato un video ufficiale, il primo diretto da Daniel "Cloud" Campos[37] e il secondo da Isaac Rentz[38]. Successivamente è stato pubblicato anche un video ufficiale per Anklebiters, su cui viene inoltre basato un videogioco disponibile sul sito della band[39]. Il 9 luglio 2013 viene dichiarato che la band è al lavoro con il regista Jonathan "Jodeb" Desbiens per la realizzazione di un altro video musicale, questa volta per Ain't It Fun[40]. A ottobre, tuttavia, Hayley Williams annuncia che il lavoro svolto sino ad allora non ha soddisfatto la band e che verranno quindi iniziate le riprese di un altro video per il brano il prima possibile, mentre in sua sostituzione verrà pubblicato il video per Daydreaming del quale annuncia anche l'uscita come singolo nel Regno Unito[41], avvenuta il 2 dicembre 2013[42]. Il nuovo video per Ain't It Fun viene pubblicato il 29 gennaio 2014, mentre il singolo il 4 febbraio 2014[43].

Il 1º settembre 2014 viene pubblicato un video ufficiale anche per Last Hope, diretto da Michael Thelin e tratto dal loro concerto a Chicago svoltosi durante il Monumentour con i Fall Out Boy, proprio per ringraziare i fan dopo la chiusura del lungo tour[44]. Il 24 novembre dello stesso anno viene pubblicato un video della versione in duetto con Joy Williams (cantante dei Civil Wars) di Hate to See Your Heart Break, contenuta nell'edizione Self-Titled Deluxe pubblicata lo stesso giorno[45]. Il video, diretto da Chuck David Willis[46], vede Hayley e Joy Williams registrare la nuova parte vocale del brano ai The Village Studios a Santa Monica[45].

Justin Meldal-Johnsen, il produttore scelto dai Paramore per la realizzazione dell'album

Stile e influenze

L'album si differenzia sensibilmente dai precedenti lavori dei Paramore[14][47], abbandonando le sonorità pop punk ed emo-pop[48][49] che hanno contraddistinto la band sin dal suo debutto in favore di generi come la new wave e il pop rock[50][51], oltre ad essere influenzato da una vasta cerchia di generi, tra i quali elettronica[52], indie[53] e post-rock[54][55]. Inoltre in alcune tracce vi sono parti prettamente assimilabili a generi come gospel[47], soul[56], new jack swing[57], funk[57] e hard rock[58].

In un'intervista a Electronic Musician, il produttore Meldal-Johnsen ha dichiarato:

«Non hanno più bisogno di essere una band pop-punk. Ora possono mettere in pratica le loro stesse idee. Tutto ciò che sto cercando di dire è che non stiamo cercando di perdere deliberatamente la loro commercialità, sto dicendo che sono qui per articolare la loro visione per un ulteriore passo di crescita. Non ho paura di aggiungere una chitarra a un sintetizzatore, per esempio. Voglio che l'album sia veramente profondo e un po' meno fisso e computerizzato. Più 1981 che 2012, ma con un richiamo al 2016.»

(Justin Meldal-Johnsen, agosto 2012[52])

Per quanto riguarda le influenze, durante il processo di scrittura dell'album i membri della band hanno dichiarato di aver ascoltato artisti del passato come Trent Reznor prima dei Nine Inch Nails[47], Blondie e Siouxsie and the Banshees[8], ma anche artisti contemporanei come Frank Ocean[59] e Alt-J[60].

I temi più ricorrenti nei testi dei vari brani sono il meglio e il peggio dell'amore, la rabbia conseguente all'incertezza del futuro e la crescita interiore che ogni persona deve presto o tardi affrontare[58].

Giudizio della critica

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AbsolutePunk[61] 8/10 stelle
AllMusic[2] 4.5/5 stelle
Alternative Press[57] 5/5 stelle
Alter the Press![53] 4.5/5 stelle
Digital Spy[62] 4/5 stelle
Drowned in Sound[63] 9/10 stelle
Entertainment Weekly[64] A-
The Guardian[65] 4/5 stelle
Kill Your Stereo[5] 8/10 stelle
Idolator[3] 4/5 stelle
Kerrang![66] 4/5 stelle
musicOMH[67] 3.5/5 stelle
NME[68] 7/10 stelle
The Observer[54] 3/5 stelle
Punknews[15] 2.5/5 stelle
Rockol[69] 3/5 stelle
Rolling Stone[56] 3.5/5 stelle
Spin[70] 8/10 stelle
Trash Hits[4] 4/6 stelle
Under the Gun Review[71] 9.5/10 stelle

In generale Paramore è stato ben accolto dalla critica musicale internazionale, come si evidenzia dal fatto che abbia ottenuto una media di 81/100 su Metacritic[72] e sia stato definito come il capolavoro assoluto della band[2][57].

La critica musicale ha associato alcune canzoni dell'album a brani di Jimmy Eat World[57], No Doubt[54][73] e Anberlin[61]. Now è stata invece paragonata a un brano con il canto di Gwen Stefani e la musica dei Muse[74]. L'artista più influente nella composizione del disco è però, secondo la critica, lo stesso Justin Meldal-Johnsen[57][61][65]. Secondo Alternative Press, che ha votato l'album con 5 stelle su 5, egli "ha veramente tirato fuori il meglio da questi tre, portandoli sia a creare i classici suoni dei Paramore che a provare a fare cose totalmente nuove"[57], mentre The Guardian giudica la produzione dei precedenti album della band "grinzosa" in confronto a quella di Meldal-Johnsen nel nuovo disco, che viene considerato "più libero e giocoso"[65]. L'album è stato apprezzato dalla maggior parte della critica soprattutto per il cambio di rotta che ha determinato nella musica del gruppo e per l'approccio dei testi a tematiche più allegre e spensierate[70][75].

È stato eletto da Alternative Press come miglior album della prima metà del 2013[76] e inserito al settimo posto della medesima classifica realizzata da MTV[75]. Alla fine dell'anno Alternative Press lo piazza al secondo posto della sua classifica annuale[77], mentre in quella di MTV raggiunge il decimo posto[78]. Entertainment Weekly l'ha invece nominato miglior album rock del 2013, e come sesto in assoluto[79], e la rivista Kerrang! l'ha invece posizionato al sesto posto della classifica dei migliori album rock dell'anno[80]. È stato inoltre inserito nella lista dei 41 migliori album del 2013 di Fuse[81] e classificato al terzo posto nella classifica dei migliori 50 album del 2013 realizzata da Rock Sound, venendo definito "il perfetto equilibrio tra la sperimentazione e le sonorità classiche dei Paramore"[82].

Ain't It Fun, infine, ottiene il Grammy Award alla miglior canzone rock alla cerimonia del febbraio 2015, il primo Grammy in assoluto vinto dalla band[17].

Successo commerciale

L'album ha debuttato al primo posto nelle classifiche degli album più venduti negli Stati Uniti (prima volta in assoluto per i Paramore e seconda volta per un'artista della Fueled by Ramen: i primi furono i Fall Out Boy con il loro Infinity on High)[16]. Ha raggiunto la prima posizione anche in Australia, Irlanda, Nuova Zelanda, Regno Unito, Scozia, Argentina, Brasile e Messico[83]. Nella prima settimana di uscita ha venduto oltre 106.000 copie negli Stati Uniti[16] e 60.000 nel Regno Unito, guadagnandosi subito il disco d'argento britannico[84]. A fine giugno, l'album è arrivato a vendere 100.000 copie nel Regno Unito, aggiudicandosi il disco d'oro[84]. A settembre 2013 è stato certificato oro anche in Australia[85]. Ad aprile 2015, a distanza di due anni dalla sua pubblicazione, è stato certificato disco d'oro anche negli Stati Uniti, dopo aver venduto oltre mezzo milione di copie[86].

Oltre che in quella statunitense, Paramore ha superato i precedenti album della band nelle classifiche di Brasile, Danimarca, Francia, Italia, Messico, Norvegia, Paesi Bassi e Spagna[83][87][88]. Nella sua settimana di debutto l'album ha venduto oltre 198.000 copie in tutto il mondo, risultando il più venduto a livello internazionale[89].

Anche i singoli estratti hanno avuto un discreto successo, con Now che ha raggiunto la sedicesima posizione della Rock Songs, record superato dal successivo singolo Still into You, che è arrivato alla sesta, debuttando anche all'83º posto della Billboard Hot 100[90] per poi raggiungere, circa 6 mesi dopo, il 24º[90]. Still into You ha raggiunto inoltre la quinta posizione delle classifiche dei singoli più venduti in Australia, diventando il primo singolo dei Paramore a raggiungere la Top 10 australiana e ricevendo il disco d'oro per le oltre 35.000 copie vendute in meno di un mese; circa un mese dopo riceve anche il disco di platino[91] e, successivamente, il doppio platino a fine luglio, raggiungendo le 140.000 copie vendute[92]. Il singolo è stato certificato disco di platino anche negli Stati Uniti[93][94], mentre ha ricevuto il disco d'oro in Canada[95] e in Nuova Zelanda[96]. Alla fine del 2013 è arrivato, nelle classifiche di vendita, al 100º posto in generale e al 17º posto dei singoli rock più venduti negli Stati Uniti[97].

Ain't It Fun è invece riuscita a raggiungere il 32º posto della classifica dei singoli più venduti settimanalmente in Australia[98], al 55º in Irlanda[98] e al 3º della UK Rock Chart[99] ancor prima di essere pubblicata come singolo. Successivamente entra anche nella Hot 100 e nelle principali classifiche pop e rock di Billboard[100], per poi ottenere il miglior piazzamento nella Hot 100 mai ottenuto dai Paramore con la 21ª posizione tra aprile e maggio 2014 e successivamente con la 10ª posizione nella seconda settimana di maggio, insieme al primo posto della Rock Songs, anch'esso un nuovo traguardo raggiunto dalla band[101]. Successivamente anche Ain't It Fun riceve il disco di platino dalla RIAA per aver venduto oltre un milione di copie[102] e il disco d'oro in Canada[103].

Esibizioni dal vivo

I Paramore si esibiscono durante la crociera del marzo 2014 sulla Norwegian Pearl

Tournée

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Paramore World Tour e Monumentour.

Il tour ufficiale in supporto all'album, chiamato Paramore World Tour, ha inizio il 12 febbraio 2013 a Bangkok, Thailandia[104][105]. Come turnisti vengono confermati Justin York (chitarra ritmica) e Jon Howard (tastiere e chitarra addizionale), mentre Hayden Scott (batteria), in concerto con la band per i festival di Reading e Leeds nell'agosto 2013[106], viene sostituito dallo stesso Ilan Rubin[105]. Da maggio prende il posto alla batteria Miles McPherson, che viene a sua volta sostituito a partire da settembre da Aaron Gillespie sino alla fine del 2013, a causa di un grave incidente subito in agosto[107].

Dopo i due concerti tenuti nel marzo 2014 durante la Parahoy!, una crociera organizzata dai Paramore sulla Norwegian Pearl con la partecipazione di altri artisti, il gruppo ha dato via, nel giugno 2014, al Monumentour, una serie di concerti negli Stati Uniti organizzata insieme ai Fall Out Boy[108]. Il tour si è protratto sino al settembre successivo, anche se l'ultima esibizione dei Paramore si è tenuta il 31 agosto[109]. Dopo mesi di pausa, il tour si concluderà con un'ultima serie di date nei principali teatri statunitensi tra aprile e maggio 2015[110].

Debutto dell'album dal vivo

I primi brani dall'album ad essere suonati dal vivo sono i singoli Now e Still into You, rispettivamente il 12 febbraio a Bangkok[111] e il 13 marzo ad Austin[112]. Il 3 aprile i Paramore suonano acusticamente Hate to See Your Heart Break in diretta su BBC Radio 1[113], mentre il 20 aprile, in occasione del Record Store Day 2013, sono stati invece suonati per la prima volta, in chiave acustica, i tre interludi (Moving On, Holiday e I'm Not Angry Anymore) e Daydreaming. Per l'occasione viene anche pubblicato in sole 700 copie (300 delle quali disponibili per l'acquisto durante l'evento) The Holiday Sessions, un vinile con i tre interludi acustici dell'album[114].

Il 25 aprile 2013, a Houston, sono state portate al debutto dal vivo Ain't It Fun, Fast in My Car, Anklebiters e Proof[115]. Durante l'esibizione all'O2 di Dublino, nel settembre dello stesso anno, i Paramore hanno suonato per la prima volta dal vivo Grow Up[116]. A ciò è seguito, due giorni dopo all'iTunes Festival a Londra, il debutto di Last Hope e Part II[117]. Durante i due spettacoli tenuti durante la crociera sulla Norwegian Pearl il 7 e il 9 marzo 2014 il gruppo ha portato al debutto Escape Route e (One of Those) Crazy Girls[118][119]. Gli unici brani presenti nella tracklist principale dell'album non ancora eseguiti dal vivo sono Be Alone e Future.

Tracce

Testi e musiche di Hayley Williams e Taylor York, eccetto dove indicato[2][25].

  1. Fast in My Car – 3:42 (Williams, York, Meldal-Johnsen)
  2. Now – 4:07
  3. Grow Up – 3:50
  4. Daydreaming – 4:31
  5. Interlude: Moving On – 1:30
  6. Ain't It Fun – 4:56
  7. Part II – 4:41 (Williams, York, Meldal-Johnsen)
  8. Last Hope – 5:09
  9. Still into You – 3:36
  10. Anklebiters – 2:17 (Williams, York, Meldal-Johnsen)
  11. Interlude: Holiday – 1:09 (Williams, Davis)
  12. Proof – 3:15 (Williams, York, Meldal-Johnsen)
  13. Hate to See Your Heart Break – 5:09
  14. (One of Those) Crazy Girls – 3:32
  15. Interlude: I'm Not Angry Anymore – 0:52
  16. Be Alone – 3:40
  17. Future – 7:52
Tracce bonus dell'edizione giapponese[6] e limitata[30]
  1. Escape Route – 2:57
  2. Native Tongue – 3:12
Tracce bonus dell'edizione Self-Titled Deluxe[120]
  1. Hate to See Your Heart Break (feat. Joy Williams) – 5:12
  2. Escape Route (Bonus Track) – 2:57
  3. Native Tongue (Bonus Track) – 3:13
  4. Tell Me It's Okay (Self-Titled Demo) – 2:43
  5. Still into You (Live at Red Rocks) – 4:30
  6. Decode (Live at Red Rocks) – 4:24 (Williams, York, Farro)
  7. The Only Exception (Live at Red Rocks) – 4:39 (Williams, Farro)
  8. Brick by Boring Brick (Live at Red Rocks) – 4:53 (Williams, Farro)
  9. Let the Flames Begin (Live at Red Rocks) – 7:06 (Williams, Farro)
  10. Part II (Live at Red Rocks) – 4:59 (Williams, York, Meldal-Johnsen)
  11. Proof (Live at Red Rocks) – 3:31 (Williams, York, Meldal-Johnsen)
  12. Ain't It Fun (Live at Red Rocks) – 6:09

Formazione

All'album hanno partecipato, secondo quanto riportato nei crediti dell'album[25]:

Paramore

Altri musicisti

Cori in Ain't It Fun[25]
  • Vincent Brantley (direttore)
  • Sean Dancy
  • Yolanda Harris-Dancy
  • Katherine Dancy
  • Brandon Hampton
  • Talitha Manor
  • Joslyn James
Violini in Hate to See Your Heart Break e (One of Those) Crazy Girls[25]

Produzione

Classifiche

Classifica
di fine anno
(2013)
Posizione
Australia[124] 51
Regno Unito[125] 76
Stati Uniti[90] 95
Stati Uniti (alternative)[90] 17
Stati Uniti (rock)[90] 25
Classifica
di fine anno
(2014)
Posizione
Stati Uniti[126] 135
Stati Uniti (rock)[127] 26

Date di pubblicazione

Paese Data Etichetta
Finlandia[128] 5 aprile 2013 Warner Bros. Records
Australia[129]
Germania[130]
Irlanda[131]
Regno Unito[132] 8 aprile 2013
Stati Uniti[1] 9 aprile 2013 Fueled by Ramen
Giappone[6] 10 aprile 2013 Warner Bros. Records
Resto del mondo[1] 9 aprile 2013

Note

  1. ^ a b c d e (EN) 4th Album Announcement, Paramore.net, 6 dicembre 2012. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  2. ^ a b c d e f (EN) Matt Collar, Paramore, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 7 aprile 2013.
  3. ^ a b (EN) Patrick Bowman, Paramore’s New, Self-Titled Album: Review, Idolator.com, 9 aprile 2013. URL consultato il 3 agosto 2013.
  4. ^ a b (EN) Terry Bezer, Album: Paramore - Paramore, Trashhits.com, 3 aprile 2013. URL consultato il 6 aprile 2013.
  5. ^ a b (EN) Paramore - Paramore, Killyourstereo.com, 13 aprile 2013. URL consultato il 22 novembre 2013.
  6. ^ a b c d e (JA) Paramore, Oricon. URL consultato il 18 aprile 2013.
  7. ^ a b (EN) Paramore finish recording their new album, NME, 2 novembre 2012. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  8. ^ a b c (EN) Marc Hogan, Hayley Williams on Love, Haters, and 'Paramore's Soap Opera', Spin, 13 marzo 2013. URL consultato il 7 aprile 2013.
  9. ^ (EN) Brian Mansfield, Listen up album of the week: 'Paramore', USA Today, 10 aprile 2013. URL consultato il 28 aprile 2013.
  10. ^ (EN) Accreditations - 2013 Albums, ARIA Charts. URL consultato il 31 ottobre 2013.
  11. ^ (EN) ‘Paramore’ Gold in New Zealand!, Paramore-music.com, 19 gennaio 2014. URL consultato il 24 gennaio 2014.
  12. ^ (EN) Certified Awards, BPI. URL consultato il 5 luglio 2013.
  13. ^ (EN) Tyler Sharp, Paramore self-titled album certified Gold, Alternative Press, 23 aprile 2015. URL consultato il 30 aprile 2015.
  14. ^ a b (EN) James Montgomery, Paramore Go Long, Dig Deep On New Self-Titled Album, MTV, 1º aprile 2013. URL consultato il 4 aprile 2013.
  15. ^ a b (EN) Paramore - Paramore, Punknews.org. URL consultato l'8 aprile 2014.
  16. ^ a b c d (EN) Keith Caulfield, Paramore Earn First No. 1 Album On Billboard 200, Billboard, 17 aprile 2013. URL consultato il 18 aprile 2013.
  17. ^ a b (EN) Brenna Ehrlich, Paramore Won Their First Grammy Ever — And Made History, MTV, 8 febbraio 2015. URL consultato l'8 febbraio 2015.
  18. ^ (EN) Bryne Yancey, Paramore meeting with producers in Los Angeles; new album in the works, Alternative Press, 29 gennaio 2012. URL consultato il 27 marzo 2013.
  19. ^ a b (EN) Hayley Williams, Finally, an update from Paramore, Paramore.net, 18 aprile 2012. URL consultato il 18 aprile 2012.
  20. ^ (EN) Kyle Anderson, Paramore's Hayley Williams on new album, moving to Los Angeles, and Blondie, Music-mix.ew.com, 9 aprile 2013. URL consultato il 10 giugno 2013.
  21. ^ (EN) Paramore give an update on the recording of their fourth studio album, NME, 24 maggio 2012. URL consultato il 19 giugno 2012.
  22. ^ (EN) Hayley Williams, Ladies and Gentlemen, our drummer for the 4th album, Instagram, 29 giugno 2012. URL consultato il 29 giugno 2012.
  23. ^ a b c d (EN) Paramore Returns: Hayley Williams Fills Us In, Musicconnection.com, 1º aprile 2013. URL consultato il 6 aprile 2013.
  24. ^ (EN) Cameron Adams, Rock band Paramore rebounds strongly from 2011 split, Heraldsun.com, 4 aprile 2013. URL consultato il 21 luglio 2013.
  25. ^ a b c d e (EN) Note di copertina di Paramore, Paramore, [[Fueled by Ramen]], 534463-2, 2014.
  26. ^ (EN) Adam Samiljan, Paramore Tracklisting, Paramore.net, 18 gennaio 2013. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  27. ^ (EN) Scott T. Sterling, Why Did Paramore Self-Title Their Fourth Album?, 923now.cbslocal.com, 22 febbraio 2013. URL consultato il 27 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  28. ^ (EN) Adam Samiljan, 4 Sides / 4 Nights Announcement, Paramore.net, 28 marzo 2013. URL consultato il 29 marzo 2013.
  29. ^ (JA) Paramore (Limited Release), Cdjapan.co.jp. URL consultato il 6 aprile 2013.
  30. ^ a b (EN) Paramore Limited Bundle, Paramore.warnerartists.net. URL consultato il 27 marzo 2013.
  31. ^ (EN) Limited Edition Box Set Unboxing, Paramore.net, 18 maggio 2013. URL consultato il 21 novembre 2014.
  32. ^ (EN) Paramore, ‘Escape Route’ was one of the first songs we started writing, Facebook, 30 aprile 2013. URL consultato il 30 aprile 2013.
  33. ^ (EN) Tyler Sharp, Paramore to release deluxe edition of self-titled album, Alternative Press, 13 novembre 2014. URL consultato il 15 novembre 2014.
  34. ^ (EN) Hilary Hughes, Paramore Share Tracklisting, Cover Art For Deluxe Album Release, Fuse, 19 novembre 2014. URL consultato il 20 novembre 2014.
  35. ^ (EN) Now on iTunes January 22nd, Paramore.net, 4 gennaio 2013. URL consultato il 5 gennaio 2013.
  36. ^ (EN) James Montgomery, Paramore Get Personal On New Single 'Still Into You', MTV, 14 marzo 2013. URL consultato il 19 marzo 2013.
  37. ^ (EN) Paramore's New Single 'Now' Updates Signature Sound With Notes of No Doubt and Muse, Spin.com, 22 gennaio 2013. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  38. ^ (EN) Paramore, 'Still Into You' video shoot today, Instagram, 16 marzo 2013. URL consultato il 20 marzo 2013.
  39. ^ (EN) Philip Obenschain, Paramore release “Anklebiters” video game, Alternative Press, 28 giugno 2013. URL consultato il 30 giugno 2013.
  40. ^ (EN) Philip Obenschain, Paramore’s next music video will be “Ain’t It Fun;” to be directed by Jodeb, Alternative Press, 9 luglio 2013. URL consultato il 21 luglio 2013.
  41. ^ (EN) Philip Obenschain, Paramore scrap “Ain’t It Fun” video; announce video for “Daydreaming” instead, Alternative Press, 13 ottobre 2013. URL consultato il 13 ottobre 2013.
  42. ^ (EN) Paramore Unveil 'Daydreaming' Video, Thisisfakediy.co.uk, 5 novembre 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.
  43. ^ (EN) Top 40 Mainstream - Future Releases, Allaccess.com. URL consultato il 15 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2014).
  44. ^ (EN) Paramore's Last Hope a Hit, Screenmag.com, 15 settembre 2014. URL consultato il 25 novembre 2014.
  45. ^ a b (EN) Ann Powers, Paramore feat. Joy Williams, 'Hate to See Your Heart Break', Npr.org, 24 novembre 2014. URL consultato il 25 novembre 2014.
  46. ^ (EN) Paramore - Hate to See Your Heart Break, Mixmatters.com, 25 novembre 2014. URL consultato il 25 novembre 2014.
  47. ^ a b c (EN) Sean Adams, Interview: "We channelled Prince's energy!", Drownedinsound.com, 7 marzo 2013. URL consultato il 3 aprile 2013.
  48. ^ (EN) Devon Manoley, What Happened to Emo?, MTVhide.com, 24 aprile 2013. URL consultato il 15 settembre 2013.
  49. ^ (EN) Ben Rayner, Paramore’s glossy a bid for superstardom: album review, Thestar.com, 8 aprile 2013. URL consultato il 7 ottobre 2013.
  50. ^ (EN) Benjamin Durham, Music Review: Paramore by… Paramore, Technologytell.com, 9 aprile 2013. URL consultato il 3 agosto 2013.
  51. ^ (IT) Davide Turrini, I Paramore tornano in Italia: concerto il 10 settembre all’Estragon, Il Fatto Quotidiano, 8 settembre 2013. URL consultato il 30 settembre 2013.
  52. ^ a b (EN) Kyle McGovern, Paramore's 'Surreal' Fourth Album Is Finished, Spin, 5 novembre 2012. URL consultato il 3 aprile 2013.
  53. ^ a b (EN) Claire Louise Sheridan, Album Review: Paramore, Alterthepress.com, 8 aprile 2013. URL consultato il 9 aprile 2013.
  54. ^ a b c (EN) Phil Mongredien, Paramore: Paramore - review, Guardian.com, 7 aprile 2013. URL consultato il 9 aprile 2013.
  55. ^ (EN) Chris Martins, Paramore 'Now' Sound Like Mathy Post-Rock: Preview the New Single, Spin, 7 gennaio 2013. URL consultato il 19 giugno 2013.
  56. ^ a b (EN) Jon Dolan, Paramore - Album Review, Rolling Stone, 15 aprile 2013. URL consultato il 3 agosto 2013.
  57. ^ a b c d e f g (EN) Scott Heisel, Paramore - Paramore, Alternative Press, 1º aprile 2013. URL consultato il 3 aprile 2013.
  58. ^ a b (EN) Brad Wete, Paramore, 'Paramore': Track-By-Track Review, su billboard.com, 8 aprile 2013. URL consultato il 19 giugno 2013.
  59. ^ (EN) Paramore cite Dutch Uncles, Alt J and Frank Ocean as influences on new album, NME, 12 febbraio 2013. URL consultato il 3 aprile 2013.
  60. ^ (EN) Paramore's Hayley Williams: 'Alt-J influenced our new album', NME, 8 gennaio 2013. URL consultato il 3 aprile 2012.
  61. ^ a b c (EN) Jack Appleby, Paramore - Paramore - Album Review, Absolutepunk.net, 4 aprile 2013. URL consultato il 4 aprile 2013.
  62. ^ (EN) Lewis Corner, Paramore - 'Paramore' - Album review, Digital Spy, 4 aprile 2013. URL consultato il 4 aprile 2013.
  63. ^ (EN) Sean Adams, Paramore - Paramore, Drownedinsound.com, 8 aprile 2013. URL consultato il 9 aprile 2013.
  64. ^ (EN) Kyle Anderson, Paramore Review, Entertainment Weekly, 9 maggio 2013. URL consultato il 3 agosto 2013.
  65. ^ a b c (EN) Rebecca Nicholson, Paramore: Paramore - Review, The Guardian, 4 aprile 2013. URL consultato il 5 aprile 2013.
  66. ^ (EN) Mark Sutherland, Reviews: Paramore - Paramore, in Kerrang!, nº 1460, Bauer Verlagsgruppe, aprile 2013, p. 52.
  67. ^ (EN) Thomas Ingham, Paramore - Paramore, Musicomh.com, 7 aprile 2013. URL consultato il 12 aprile 2013.
  68. ^ (EN) David Renshaw, Album Reviews - Paramore - 'Paramore', NME, 8 aprile 2013. URL consultato il 9 aprile 2013.
  69. ^ (IT) Paramore - Dischi in Vetrina, Rockol.it, 22 aprile 2013. URL consultato il 2 maggio 2013.
  70. ^ a b (EN) Theon Weber, Paramore, 'Paramore' (Fueled by Ramen), Spin, 8 aprile 2013. URL consultato il 30 novembre 2013.
  71. ^ (EN) Adrian Garza, Review: Paramore – Self-Titled, Underthegunreview.com, 5 aprile 2013. URL consultato il 7 dicembre 2013.
  72. ^ (EN) Paramore Reviews, Metacritic. URL consultato il 25 febbraio 2014.
  73. ^ (EN) Jon Pareles, After Split by Band, a Singer Grows Up, The New York Times, 9 aprile 2013. URL consultato il 10 aprile 2013.
  74. ^ (EN) Paramore's New Single 'Now': Our Impulsive Reviews, Spin, 22 gennaio 2013. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  75. ^ a b (EN) James Montgomery, Best Albums Of 2013 (So Far): Who Made Our Top 10?, MTV, 1º luglio 2013. URL consultato il 21 luglio 2013.
  76. ^ (EN) Mid-Year Report 2013: Best Albums, Alternative Press, 27 giugno 2013. URL consultato il 21 luglio 2013.
  77. ^ (EN) 10 Essential albums of 2013, Alternative Press, 4 dicembre 2013. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  78. ^ (EN) James Montgomery, Best Albums Of 2013: Does Beyoncé Bow Down To Yeezus?, MTV, 17 dicembre 2013. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  79. ^ (EN) Paramore, Thank you to Entertainment Weekly, Facebook, 10 dicembre 2013. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  80. ^ (EN) 25 albums that rocked 2013: Hear them now!, Kerrang!, 19 dicembre 2013. URL consultato il 25 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2013).
  81. ^ (EN) The 41 Best Albums of 2013: Fuse Staff Picks, Fuse TV, 18 dicembre 2013. URL consultato l'8 gennaio 2014.
  82. ^ (EN) The 50 Best Albums of 2013 Part Five: 10 - 1, Rock Sound, 6 dicembre 2013. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  83. ^ a b c d e (EN) Paramore Album Debuts At #1, Fueled by Ramen, 17 aprile 2013. URL consultato il 17 settembre 2013.
  84. ^ a b Errore nelle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore oro_UK
  85. ^ Errore nelle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore oro_AUS
  86. ^ Errore nelle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore oro_USA
  87. ^ a b c d e f g h i j k l m n (EN) Paramore - Paramore - Music Charts, Acharts.us. URL consultato il 17 aprile 2013.
  88. ^ a b c d e f g (NL) Paramore - Paramore, Ultrapop.be. URL consultato il 13 aprile 2013.
  89. ^ (EN) Global Album Chart - ALBUMS week 17 / 2013 - April 27, Mediatraffic.de. URL consultato il 30 maggio 2014.
  90. ^ a b c d e f g h i (EN) 325117 Chart History, Billboard. URL consultato il 18 aprile 2012.
  91. ^ (EN) ARIA Singles Chart - Week Commencing 27 May, 2013, ARIA Charts. URL consultato il 30 maggio 2013.
  92. ^ (EN) Accreditations - 2013 Singles, ARIA Charts. URL consultato il 2 agosto 2013.
  93. ^ (EN) Paramore's "Still Into You" Goes Platinum, Alterthepress.com, 18 dicembre 2013. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  94. ^ (EN) Paramore – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  95. ^ (EN) Gold and Platinum Database - Paramore, Musiccanada.com. URL consultato il 22 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2014).
  96. ^ (EN) Official NZ Chart, Still into You by Paramore certified gold after 11 weeks on the chart, Twitter, 25 luglio 2013. URL consultato il 21 settembre 2013.
  97. ^ (EN) Best of 2013 - Hot 100 Songs, Billboard. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  98. ^ a b (EN) Paramore - Ain't It Fun - Music Charts, aCharts.us. URL consultato il 28 settembre 2013.
  99. ^ (EN) 2013-08-24 Top 40 Rock & Metal Singles Archive, The Official Charts Company. URL consultato il 22 agosto 2013.
  100. ^ (EN) Gary Trust, Chart Highlights: A Great Big World & Christina Aguilera, Beyonce & Jay Z Add New No. 1s, Billboard, 18 febbraio 2014. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  101. ^ (EN) Gary Trust, John Legend Leads Hot 100, Paramore Hits Top 10, Billboard, 14 maggio 2014. URL consultato il 16 maggio 2014.
  102. ^ (EN) Zack Zarrillo, Ain’t It Platinum: Paramore’s “Ain’t It Fun” Hits 1,000,000 Singles Sold, Propertyofzack.com. URL consultato il 10 luglio 2014.
  103. ^ (EN) Paramore, The 'Ain’t It Fun' single is GOLD in Canada!, Twitter, 9 luglio 2014. URL consultato il 10 luglio 2014.
  104. ^ (IT) Paramore: iniziato il tour 2013, la scaletta, Vivaconcerti.com, 25 febbraio 2013. URL consultato il 30 marzo 2013.
  105. ^ a b (IT) Paramore Il tour mondiale inizia in Asia e Australia, Outune.net, 24 febbraio 2013. URL consultato il 26 marzo 2013.
  106. ^ (EN) Paramore give Reading And Leeds setlist hints as they play first show for almost a year, NME, 16 agosto 2012. URL consultato il 1º marzo 2013.
  107. ^ (EN) Kyle Florence, Aaron Gillespie Continuing To Fill In On Drums For Paramore's Upcoming Arena Tour, Underthegunreview.net, 6 ottobre 2013. URL consultato il 9 novembre 2013.
  108. ^ (EN) Paramore + Fall Out Boy on Tour This Summer!, Paramore.net, 9 gennaio 2014. URL consultato il 9 gennaio 2014.
  109. ^ (EN) Fall Out Boy, Paramore expand Monumentour, Alternative Press, 14 aprile 2014. URL consultato il 15 aprile 2014.
  110. ^ (EN) Paramore: Writing the Future, Paramore.net, 22 gennaio 2015. URL consultato il 22 gennaio 2015.
  111. ^ (EN) Paramore Perform New Single "Now" Live, Alterthepress.com, 12 febbraio 2013. URL consultato il 25 aprile 2013.
  112. ^ (EN) Watch: Paramore – “Sill into You” (Live at SXSW), Underthegunreview.net, 15 marzo 2013. URL consultato il 25 aprile 2013.
  113. ^ (EN) Live Lounge Paramore, BBC, 3 aprile 2013. URL consultato il 3 aprile 2013.
  114. ^ (EN) Jon Ableson, Paramore Announce "The Holiday Sessions" Record Store Day 7", Alterthepress.com. URL consultato il 29 aprile 2013.
  115. ^ (EN) Brian Kraus, Paramore perform “Ain’t It Fun” live for the first time, Alternative Press, 28 aprile 2013. URL consultato il 25 aprile 2014.
  116. ^ (IT) Paramore in tour a Dublino: la setlist della seconda leg europea, Teamworld.it, 3 settembre 2013. URL consultato il 29 maggio 2014.
  117. ^ (EN) Jon Ableson, Paramore Perform "Last Hope" and "Part II" at iTunes Festival 2013, Alterthepress.com, 4 settembre 2013. URL consultato il 6 settembre 2013.
  118. ^ (EN) Jon Ableson, Paramore Debut "Escape Route" Live on PARAHOY! Cruise, Alterthepress.com. URL consultato il 29 maggio 2014.
  119. ^ (EN) New photos from the second show of Parahoy!, Pmoreonline.com, 10 marzo 2014. URL consultato il 29 maggio 2014.
  120. ^ (EN) Paramore: Self-Titled Deluxe, Paramore.net, 12 novembre 2014. URL consultato il 20 novembre 2014.
  121. ^ (EN) 2013-04-20 Top 40 UK Albums Downloads Archive, The Official Charts Company. URL consultato il 17 aprile 2013.
  122. ^ (EN) 2013-04-20 Top 40 Rock & Metal Singles Archive, The Official Charts Company. URL consultato il 17 aprile 2013.
  123. ^ (EN) 2013-04-20 Top 40 Scottish Albums Archive, The Official Charts Company. URL consultato il 17 aprile 2013.
  124. ^ (EN) End Of Year Charts - Top 100 Albums 2013, ARIA Charts. URL consultato il 7 gennaio 2014.
  125. ^ (EN) End Of Year Charts: 2013 (PDF), Ukchartsplus.co.uk. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  126. ^ (EN) 2014 Year End: Top Billboard 200 Albums Chart, Billboard. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  127. ^ (EN) 2014 Year End: Top Rock Albums Chart, Billboard. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  128. ^ (FI) Music - Paramore by Paramore, iTunes. URL consultato il 10 aprile 2013.
  129. ^ (EN) Paramore to release self-titled album April 5th, Bombshellzine.com, 19 dicembre 2012. URL consultato il 30 marzo 2013.
  130. ^ (DE) Musik - "Paramore" von Paramore, iTunes. URL consultato il 6 aprile 2013.
  131. ^ (EN) Paramore unveil new online video to promote single & album release!, Musicscene.ie, 15 gennaio 2013. URL consultato il 27 marzo 2013.
  132. ^ (EN) Paramore reveal new album trailer, NME, 15 gennaio 2013. URL consultato il 19 gennaio 2013.

Collegamenti esterni

Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 20 novembre 2014 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci di qualità in altre lingue

Template:Link VdQ