Turone

Turone di Maxio (... – ...) è stato un pittore italiano di origini lombarde, attivo nell'area veronese nella seconda metà del XIV secolo..

Nella pittura di Turone si vede il primo chiaro esempio di rielaborazione veneto-padana della lezione giottesca, che in Veneto soprattutto - ma solo marginalemente a Venezia - ebbe forte impatto grazie alle straordinarie opere patavine del Maestro toscano (la Cappella degli Scrovegni e quelle andate perdute nella Basilica del Santo e nel Palazzo della Ragione). Rielaborazione che alla prospetticità e al volume giotteschi aggiunge una maggiore concitazione e drammatizzazione delle azioni e un uso più deciso del colore. È Altichiero da Zevio, probabilmente allievo di Turone, a raggiungere l'apice di questo approccio pittorico come si osserva nei suoi capolavori padovani.

Tra le opere più significative attribuite a Turone vi è l'affresco di una crocifissione sulla controfacciata della chiesa di San Fermo Maggiore a Verona. Altro sito in cui è osservabile l'opera di Turone è la chiesa (che, al pari di San Fermo, ospita molti altri tesori d'arte) di Santa Anastasia sempre in Verona. Le rare opere su talvola pervenuteci, attribuibili a Turone sono oggi ammiralibili presso il museo veronese di Castelvecchio.

Di Turone va menzionata anche l'attività di miniatore che ancora una volta a Verona ha i suoi lasciti maggiori.

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie